Mary Vincent parla: ‘Ha distrutto tutto di Me.’

“Ha davvero fatto,” lei dice con un leggero brivido, con dolore terribile nelle sue parole. “Ha distrutto tutto di me. Il mio modo di pensare. Il mio modo di vivere. Aggrappandosi all’innocenza . . . e sto ancora facendo tutto il possibile per resistere.”

Pubblicità

Singleton ha anche devastato un giovane sogno.

“Sarei stato ballerino principale al Lido de Paris di Las Vegas”, continua Vincent. “Poi Hawaii e Australia. Dico sul serio. Ero davvero bravo in piedi e il mio istruttore di danza aveva tutto risolto.

“Ma quando questo è accaduto, hanno dovuto prendere alcune parti dalla mia gamba, solo per salvare il mio braccio destro. Dopo di che, non sono stato più in grado di ballare.”

Pubblicità

Lawrence Singleton. Mary Vincent. Mutilatore e vittima. Nomi resi indelebili da un vecchio, orribile crimine che ha riscritto le leggi della California, ha visto città e stati sorgere contro il rilascio e il trasferimento di sesso trasgressore Singleton created e ha creato echi incessanti che hanno squilibrato la privacy di Vincent, la scuola, il matrimonio e innumerevoli riavvii.

Nel 1978, Singleton, allora un ex commerciante di 50 anni, prese Vincent, allora un autostoppista di 15 anni che scappava da Las Vegas e il divorzio dei suoi genitori, e la violentò. Le ha tagliato gli avambracci con cinque colpi di ascia e l’ha infilata, priva di sensi, per morire in un canale sotterraneo di cemento vicino a Sacramento.

Un documento del tribunale descriveva l’indescrivibile: “La mattina dopo, due individui trovarono Mary Vincent vagare nuda . . . stava alzando le braccia in modo che i muscoli e il sangue non cadessero.”

Pubblicità

Secondo le leggi indulgenti di quel tempo, Singleton ha ricevuto condanne simultanee per un totale di 14 anni per stupro, tentato omicidio e reati sessuali the il massimo consentito. Singleton, con l’angoscia degli attivisti e la rabbia delle comunità in cui era diretto, ha scontato solo otto anni e quattro mesi.

Se lo stupratore fosse stato condannato in base agli statuti più severi di oggi-ironicamente irrigidito in gran parte dal suo rilascio anticipato-avrebbe tratto più condanne consecutive da 15 anni all’ergastolo. L’alcolizzato corpulento e calvo sarebbe ancora a San Quintino. Roxanne Hayes, una madre di tre figli di 31 anni e la prostituta Singleton è stata recentemente accusata di omicidio, potrebbe essere ancora viva.

E Mary Vincent avrebbe l’isolamento che ha nutrito; le amicizie protettive dei suoi vicini nel parcheggio per roulotte dove vive; e giorni di normalità senza assediare i media e la supplica di Opah e” Cartaceo ” e dei loro libretti degli assegni.

Pubblicità

Lei è titubante su qualsiasi esposizione pubblica perché lei è confusa, paura di nuovo, regredendo. Quando è in grado di dormire, tornano i vecchi incubi. Ha perso sette chili per lo stress della scorsa settimana.

“Sto iniziando a uscirne”, ha detto domenica. “Ma per quei primi tre giorni, ero una grande borsa di emozioni. Ero in lutto per quella donna . Non riuscivo a smettere di pensarci.”

Ha descritto l’effetto replay: “Solo di recente ho smesso di avere i miei incubi. Ora sono tornati di nuovo. Inizia con il mio attacco, e poi finisco per vedere tutte queste altre persone e cose peggiori che accadono loro.”

Pubblicità

Il suo fidanzato e live-in guardia del corpo di cinque anni, Bob Clayton, 56, allevatore di mastini napoletani e praticante dell ” arte a volte illegale e marginalmente ignobile di combattimento a mani nude, conosce le sue urla. Gli incubi sono così violenti, dice, Vincent viene buttato giù dal letto.

Vincent, 34 anni, è la madre di due ragazzi che lei chiama “piccoli uomini” – Luke, 10 anni, e Alan, 8-i figli di una relazione fallita e di un cattivo matrimonio. Si incontrerà solo con scrittori selezionati con i quali ha affrontato prima e si fida.

Domenica ha parlato a lungo per la prima volta, accompagnata da Mark Edwards, l’avvocato di Santa Ana che, pro bono, ha rappresentato Vincent in una causa danni contro Singleton.

Pubblicità

*

Per una volta, l’arguto Vincent non è così sicuro di sé. Diceva sempre che non parlando mai degli orrori del passato, poteva concentrarsi sulla felicità futura. Eppure, improvvisamente, non riesce a vedere troppo avanti: “Per la prima volta sto disegnando un vuoto. Troppe speranze sono state sollevate, solo per cadere. Mi sento di essere di nuovo in fondo al barile.”

Far fronte al passato ha separato la sua famiglia. Il suo matrimonio fallì perché il nuovo marito non poteva tollerare intrusioni pubbliche. C’erano offerte di libri che fallivano e offerte di film che non andavano da nessuna parte. Vincent ha provato la catarsi di assistere gli altri, visitando le scuole superiori con un messaggio intensamente personale: “Non importa quello che pensi. Non sei alto 10 piedi e a prova di proiettile. Lo pensavo anch’io. . . . Ma guarda cosa mi è successo. Perche ‘c’e’ sempre qualcuno che puo ‘ farti fuori se non ne sei consapevole.”

Pubblicità

Anche quella campagna ispiratrice fallì. Un ragazzo in un pubblico urlò oscenità a Vincent. Era un attacco personale e oscuro che non rischiava più continuando le apparizioni scolastiche.

Grazie a Edwards, Vincent ha ricevuto 1 13.000 spent da tempo spesi from dal fondo vittime della California. E ha vinto una sentenza di 2,5 milioni di dollari contro Singleton, ma deve ancora raccogliere il suo primo nichel dall’ex detenuto disoccupato e impoverito.

Dopo il suo divorzio, Vincent ha preso in prestito un acconto su una casa, che è stata recuperata in mesi. La casa per lei e i ragazzi per un freddo inverno era una stazione di Arco non riscaldata e abbandonata.

Pubblicità

“Sto lottando, sto combattendo, ma è sempre una battaglia persa”, dice. È una dichiarazione matura di fatto, non il lamento di una vittima. “Ho provato così tanto, e sono stato girato indietro così spesso, il mio passo è completamente diverso ora. Tutta la mia energia si sta concentrando sui miei due ragazzi. Sto disperatamente cercando di fare tutto il possibile per fare la vita che ho promesso loro, per fare la vita che avevo tutte queste speranze nella mia mente.”

Eppure quel passo, lei sa, è stato rotto dall’arresto di Singleton.

“È come, di nuovo, tutto sta cadendo a pezzi”, continua. “Continuo a ripetermi: Resisti. Pensa positivo. Pensa ai tuoi figli.”

Pubblicità

*

Ma di recente, un piccolo insediamento come il risultato di un incidente d’auto 1990 è stato stabilito reddito dal governo federale, e assegni di invalidità di Vincent fermato as proprio come il suo 15-year-old ganci rotti. Un tuttofare locale li ha tenuti a malapena funzionante; un nuovo set costa un irraggiungibile $15.000.

Inserisci avvocato Edwards, di nuovo. Sta contattando il governo federale per il ripristino dei pagamenti di invalidità di Vincent e spera che la rinnovata esposizione di questo mese porti donazioni pubbliche e eventuali tasse di talk-show a un fondo fiduciario (c / o Edwards & Hayden, 1800 E. 17th St., No. 101, Santa Ana, CA 92705) stabilito per i due ragazzi di Vincent.

Pubblicità

Ma e ‘ domani.

Oggi, l’unico reddito di Vincent e Clayton proviene dalla sua piccola attività di parti di biciclette. È protetto da recinzione a catena, lucchetti, filo spinato e due mastini enormi, irritabili e carnosi. Perché, Vincent dice, dal rilascio di Singleton da una prigione della California, ha vissuto con la paura che avrebbe trovato e ucciderla.

“Ogni volta che sento il suo nome, vado nel panico”, spiega Vincent. “Quindi a chiunque sia sempre intorno a me, dico:’ Non dire quel nome.”Non lo guardo in televisione, perché se mai vedo una sua foto, inizio a tremare.”

Pubblicità

Le cicatrici sono così profonde, i ricordi vividi per così tanto tempo, Vincent non sarà mai libero.

Allora dov’è Mary Vincent?

Si sta concentrando sulle abilità di un sopravvissuto provato; si sta istruendo ad accettare le debolezze umane e i grigi delle relazioni individuali. Ha fede nella preghiera, i suoi figli, Clayton e la lettura di J. R. R. Tolkien ” Il Signore degli Anelli.”

Pubblicità

“Sono uno Hobbit a casa”, dice. “Avere sempre voglia di servire, prendersi cura di tutti, cucinare le cose, questa è la mia terapia. Così come sapere tutto ha un modo di lavorare se stesso fuori.”

Scompare anche per ore all’interno degli scritti dell’autore di fantascienza Piers Anthony.

“Sono libri edificanti”, dice. “Mi fanno sentire come se fossi uno dei personaggi e non un emarginato mutante.”

Pubblicità

Perché quando si perde in quell’universo alternativo, ammette Vincent, ha ancora le braccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.