Women’s Equality Day

La data fu scelta per commemorare il giorno in cui nel 1920 il Segretario di Stato Bainbridge Colby firmò il proclama che concedeva alle donne americane il diritto costituzionale di voto. Nel 1971, dopo lo Sciopero nazionale delle donne del 1970 per l’uguaglianza, e di nuovo nel 1973, mentre continuavano le battaglie per l’emendamento sulla parità dei diritti, la deputata Bella Abzug di New York introdusse una risoluzione per designare il 26 agosto come Giornata per l’uguaglianza delle donne.

Nel 1972, il presidente Richard Nixon emise il Proclama 4147, che designò il 26 agosto 1972 come “Giornata dei diritti delle donne” e fu la prima proclamazione ufficiale della Giornata dell’uguaglianza delle donne. Il 16 agosto 1973, il Congresso approvò H. J. Res. 52, che affermava che il 26 agosto sarebbe stato designato come Giorno dell’uguaglianza delle donne e che “il Presidente è autorizzato e richiesto di emettere un proclama in commemorazione di quel giorno nel 1920 in cui le donne in America furono prima garantite il diritto di voto”. Lo stesso giorno, il presidente Nixon ha emesso Proclama 4236 per la Giornata dell’uguaglianza delle donne, che ha avuto inizio, in parte: “La lotta per il suffragio femminile, tuttavia, è stato solo il primo passo verso la piena e uguale partecipazione delle donne nella vita della nostra Nazione. Negli ultimi anni, abbiamo fatto altri passi da gigante attaccando la discriminazione sessuale attraverso le nostre leggi e aprendo nuove strade verso pari opportunità economiche per le donne. Oggi, praticamente in ogni settore della nostra società, le donne stanno dando importanti contributi alla qualità della vita americana. Eppure, molto resta ancora da fare”.

A partire da 2018, ogni presidente da Richard Nixon ha emesso un proclama che designa August 26 come Women’s Equality Day. Il 25 agosto 2016, il proclama del presidente Obama recitava, in parte: “Oggi, mentre celebriamo l’anniversario di questo successo duramente conquistato e rendiamo omaggio ai pionieri e alle suffragiste che ci hanno avvicinato a un futuro più giusto e prospero, decidiamo di proteggere questo diritto costituzionale e ci impegniamo a continuare a lottare per l’uguaglianza per donne e ragazze”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.